Statuto

Statuto della associazione (primo estratto)

“Doctor who italian club”

Art.1 DENOMINAZIONE E SEDE

E’ costituita con sede a Villanova di Castenaso (BO) in via Cà dell’Orbo n.33 ,un associazione culturale di promozione sociale ai sensi dell’ art.18 della costituzione italiana degli art.36 e ss. Del Codice Civile ,del D.Lgs. 460/97 e del disposto della legge nr. 383/2000, che assume la denominazione di “Doctor Who Italian Club”, d’ora in avanti anche semplicemente associazione.

Art. 2 SCOPI E OGGETTO SOCIALE

L’associazione nasce come aggregazione di persone che si propongono di svolgere attività culturali, di tempo libero, ricreative e di promozione sociale, per la diffusione della conoscenza di “Doctor Who” e della fantascienza in generale.

La Associazione non persegue fini di lucro, è apolitica, apartitica, aconfessionale e rigetta ogni discriminazione razziale, culturale, religiosa, sessuale e sociale.

Le attività principali che la associazione intende svolgere per il raggiungimento del proprio scopo sociale sono: 1- Sviluppare l’aggregazione dei soci tramite i media a disposizione quali: mailing list, forum, social network e strumenti analoghi od altri eventuali mezzi derivati dalle nuove tecnologie informatiche; 2- Promuovere e organizzare in proprio o in collaborazione con soggetti terzi, sia pubblici che privati, la realizzazione di seminari, workshop, laboratori, congressi, conferenze, dibattiti, incontri, convention, viaggi di studio e attività culturali di ogni genere. 3- Intraprendere l’attività editoriale e la diffusione dell’informazione con qualsiasi mezzo di comunicazione sia tradizionale che informatico in proprio o in collaborazione con terzi anche indirizzato alla pubblicazione degli atti dei convegni, dei seminari, degli studi e delle ricerche compiute. 4- Svolgere qualsiasi altra attività connessa ed affine a quelle sopraindicate, utile alla realizzazione degli scopi associativi ed attinente ai medesimi, sia direttamente che indirettamente.

Art. 3 DURATA

L’associazione è costituita a tempo indeterminato

Art. 4 SOCI

Il numero dei soci è illimitato, possono essere soci tutte le persone fisiche sia cittadine italiane e straniere, anche se minorenni, senza distinzione di sesso, genere, età, cittadinanza e razza, che aderiscono alla Associazione condividendone i principi e gli ordinamenti generali. […]

Il socio ammesso sarà iscritto nell’apposito libro a cura dell’Organo Amministrativo, sarà tenuto al pagamento delle quote annualmente stabilite ed avrà diritto a ricevere la tessera sociale. Le somme versate per la tessera e le quote sociali non sono rimborsabili in nessun caso, ne in nessun caso sono trasmissibili, con la eccezione dei casi previsti dalla legge. La quota non è rivalutabile e non costituisce in nessun caso titolo di proprietà. Il Socio se è maggiorenne ha diritto a partecipare alle assemblee ordinarie e straordinarie della associazione e gode dell’elettorato attivo e passivo; ogni socio ha diritto ad un solo voto. […] I soci sono espulsi o radiati qualora non ottemperino alle disposizioni del presente statuto, ai regolamenti interni o alle deliberazioni prese dagli organi sociali, quando si rendono morosi del pagamento della tessera o delle quote sociali e quando, in qualunque modo, arrechino danni materiali o morali alla Associazione e alla sua credibilità. […]

Art. 5 PATRIMONIO

Il patrimonio sociale è costituito: 1- Dal patrimonio mobiliare ed immobiliare di proprietà dell’associazione 2- Dai contributi, quote associative, erogazioni, donazione e lasciti diversi. 3- Dal fondo riserva.

Art. 6 ANNO SOCIALE […]

Art. 7 RENDICONTO

Il rendiconto economico e finanziario di ogni anno deve essere presentato all’assemblea dei soci per l’approvazione entro ilo 30 aprile dell’anno successivo, o qualora ne ricorrano i motivi entro 60 giorni da tale data. L’eventuale avanzo di gestione annuale viene destinato al fondo di riserva e verrà successivamente utilizzato per la realizzazione delle finalità istituzionali o per attività a queste ultime connesse. E’ espressamente vietata qualsiasi distribuzione, anche in modo indiretto o differito, di utili o avanzi di gestione nonché di fondi, riserve o capitale.